venerdì 25 settembre 2015

L'atmosfera terrestre 1/4: una visione d'insieme di ciò che rende unico e prezioso il nostro Pianeta

























                                                                                                                                                                                  premessa                                                                                                                                                                                              Forse può sembrare un po' fuori posto un post addirittura quadruplo sull'atmosfera del nostro pianeta, in un blog di astronomia dove si dovrebbe trattare di stelle, galassie, quasar, pulsar etc...
      Magari non vi sarà venuto questo dubbio, ma se mai vi venisse questa perplessità, vi invito a riflettere sul fatto che noi viaggiamo su una palla immersa nello spazio che ruota su se stessa come una trottola e attorno alla nostra stella seguendola nella sua corsa nello spazio, a sua volta intorno al centro della Via Lattea. Quindi noi 'siamo' nello spazio, e così come ci siamo noi, miliardi di altri pianeti che possono avere atmosfere come la nostra o similare.                                                        Poi si consideri il fatto che, nella ricerca di pianeti abitabili e vita extraterrestre (post 2015: l'anno del contatto con Plutone), è fondamentale scoprire ed analizzare le condizioni atmosferiche di tali pianeti, perciò perché non partire dal pianeta abitabile che conosciamo da vicino, ovvero il nostro?                                                                                                            
       L'atmosfera consente ad un pianeta di "separarsi" dal vuoto cosmico e sviluppare in se la vita; certo non è cosa semplice, anzi assai complessa e frutto di condizioni che si creano in milioni di anni, non qualche secolo; frutto pure di una complicata combinazione di condizioni che giocano e si incastrano insieme. In sintesi, tutt'altro che semplice. Merita quindi secondo me un bel nutrito post questa meraviglia che ci consente di essere quello che siamo, anche se poi alla prova dei fatti decisamente non siamo all'altezza di questo dono che ci è stato fatto, visto come la trattiamo.                                
       L'atmosfera mi ha molto affascinato sin dall'inizio, quindi trovo utile, fondamentale e bello analizzare più nel dettaglio tutti i suoi strati, dare il mio modesto e piccolo contributo per capire meglio come funziona, secondo il solito principio (vedi presentazione) di selezionare e raccogliere per voi in un ordine accessibile e comprensibile gran parte del materiale sul web.                                                                                                                                                                                                In ogni caso mi sono divertito molto e mi affascina sempre questo argomento, per cui spero faccia anche a voi lo stesso effetto.                                                                                

La nostra atmosfera, quando guardiamo in su verso il cielo, è assolutamente invisibile; guardiamo direttamente verso lo spazio senza renderci conto e poter distinguere gli strati di cui è composta, salvo osservare gli effetti o i fenomeni diversi che in essi accadono (nuvole, meteoriti etc).

In effetti per molti di noi i fenomeni che si manifestano in atmosfera restano piacevolissimi spettacoli di cui però spesso non si sa granché e poi ci sono concetti che spesso sfuggono alla comprensione dell'uomo comune.

Felix Baumgartner che compie un nuovo record
Ad esempio nella definizione di "atmosfera" (atm) si dice che "allontanandosi dalla Terra, si va sempre più rarefacendosi": quando si parla di "aria rarefatta" non è facile capire cosa vuol dire, e mi vengono in mente a questo proposito i racconti di quegli intrepidi che si sono lanciati dalla Stratosfera dall'altitudine incredibile di 41 km; ebbene lanciandosi da quell'altezza all'inizio non avevano neanche la sensazione di stare precipitando, poiché la loro tuta non faceva quello che fa di solito nella Troposfera, cioè essere sbattuta violentemente dall'attrito con l'aria; al contrario era praticamente ferma e solo grazie all'altimetro sapevano di essere in caduta (l'altimetro è uno strumento usato dai paracadutisti e parapendio che emette un suono che cresce o decresce a seconda che ci si stia alzando o abbassando di quota, poichè quando si è per aria non si hanno più riferimenti per capire se si sta salendo o scendendo).

L'atmosfera della Terra è invisibile direttamente agli occhi, ma rappresenta ciò che rende unico e prezioso il nostro pianeta. Quando guardiamo il cielo non ci rendiamo conto di quanti strati sta attraversando la nostra vista, eppure quegli strati invisibili e tanto ampi ci proteggono da morte sicura.

Questo è il 1° di 4 post dedicati all'argomento, secondo questo schema:
1/4 - visione d'insieme
2/4 - "bassa e media atmosfera" (Troposfera, Stratosfera-Ozonosfera, Mesosfera)
3/4 - "alta atmosfera e Magnetosfera" (Termosfera-Ionosfera, Esosfera-Magnetosfera)
4/4 - Viaggio attraverso l'atmosfera: fenomeni naturali e ingegno umano

Partirei dunque in questo primo post con una rassegna di riassunti schematici abbastanza semplici, preceduti da una piccola sezione con notizie generali sull'atmosfera che andiamo ad analizzare.
I riassunti sono più di uno perché così ce n'è un po' per tutti i gusti e ciascuno si troverà meglio con una serie piuttosto che con l'altra. Gli schemi, molto semplificati ma istruttivi, partono dal primo generale, che a volte è un po' difficile da leggere, e poi le sezioni relative che sono zoomate e quindi più leggibili.

Attenzione, si trovano spesso differenze e a volte qualcosa manca in uno e c'è nell'altro, ma alla fine il complesso colma le lacune.
                                                                                                                                                                            L'Atmosfera                                                                                                      
Un immenso oceano gassoso trattenuto dalla forza di gravità della Terra. Sotto l'azione della gravità e della forza centrifuga dovuta alla rotazione terrestre, questa massa d'aria deve aver assunto una forma grossolanamente sferoidale, schiacciata ai poli e rigonfia all'equatore, esattamente come il globo terracqueo.                     Proprio per questo la chiamiamo "atmos" = vapore e "sfaira" = sfera.                                                                                       

                                                                                                                                                                                     L'ARIA                                                                              
        Anche se invisibile, inodore e incolore, l'aria esiste e ha degli effetti su tutto ciò che ci circonda. L'aria esercita una pressione e occupa tutto lo spazio che ha a disposizione, cioè è diversa dal Vuoto e occupa un volume. Ad esempio se si prova a schiacciare una bottiglia di plastica vuota e chiusa non si riesce, perché al suo interno, dove apparentemente non c'è niente, è contenuta l'aria.                                                                                                                                                                         L'atmosfera, detta genericamente "aria", poggia sulla superficie terrestre con un peso pari ad uno strato d'acqua profondo più di 10 metri.                                                                                                                            
                                                   
                                                                                                               
Senz'aria la maggior parte degli esseri viventi non riuscirebbe a vivere:                      - l'ossigeno in essa contenuto è infatti indispensabile per la respirazione,            - l'anidride carbonica o COè fondamentale nel processo di fotosintesi clorofilliana                                                                                                - l'Azoto (Nitrogen) è il responsabile della formazione delle molecole che stanno alla base della vita.                                              
        Ognuno di noi, solo con la respirazione, consuma ogni giorno circa 19.000 litri di aria contro i 2,5 litri di acqua utilizzati per bere: una bella differenza!!                                  
Si può inoltre paragonare la resistenza dell'uomo in assenza di aria, acqua e cibo:  è in grado di resistere                                                                                                                  
- senza acqua 2-3 giorni
- senza cibo 6-7 giorni
- senza aria solo pochi minuti                                                                                                                             

Si è parlato di gas, vediamo velocemente di cosa è composta l'atmosfera. So che non a tutti piace la chimica, ma d'altra parte noi e tutto l'Universo siamo fatti di chimica, per cui almeno un'infarinatura non farebbe male.

L'atmosfera terrestre è costituita da una miscela di gas che ha la seguente composizione chimica media al suolo:

Azoto (N2): 78,08%
Ossigeno (O2): 20,95%

L'1% circa restante si divide tra:

Argon (Ar): 0,93%
Vapore acqueo (H2O): 0,33% in media (variabile da circa 0% a 5-6%)
Biossido di carbonio (CO2), cioé anidride carbonica: 0,032% (320 ppm)


Altri gas vi compaiono in quantirà trascurabili che si aggirano complessivamente intorno allo 0,01% fra cui  Elio (He), Metano (CH4), Ozono (e neon, kripton, xenon, idrogeno, anidride solforosa, ammoniaca, ossido di carbonio etc etc).

Lazoto, anche se è il componente dell'atmosfera più abbondante, risulta inerte nella funzione respiratoria del mondo organico. Esso viene assorbito direttamente nell'aria solo da alcune piante, come le leguminose, le quali sono perciò di grande interesse in agricoltura (inerti sono anche l'argon e gli altri gas rari).
Il vapore acqueo è presente quasi soltanto nella Troposfera, lo strato più basso, anche se varia da luogo a luogo e nel tempo in conseguenza del variare del tempo atmosferico ovvero attraverso i processi di evaporazione e condensazione, tappe intermedie del Ciclo dell'acqua. Esso sottrae spazio ad altri gas e varia dallo 0 al 4% circa.
L' ozono è contenuto in massima parte nella Stratosfera in cui costituisce un importante strato, l'Ozonosfera (post 2/4 bassa atmosfera).
L' anidride carbonica CO2 è molto importante perché funge da "termoregolatore" perché trattiene il calore dei raggi solari ma a sua volta li scherma lasciandone passare pochi (effetto Serra, sempre post 2/4), evitando un'escursione termica ingente come sulla Luna, che è priva di atmosfera.


Atmosfera, il grande "polmone" della Terra 
(21% Ossigeno)


























L'Ossigeno è per noi fondamentale; ad altezze superiori ad una decina di km lo troviamo anche in forma triatomica O3, ovvero l'Ozono che ci protegge dalle radiazioni ultraviolette dello spettro solare, come vedremo nel post 2/4 bassa atmosfera.


Oltre a queste sostanze, l'atmosfera contiene sempre una certa quantità di impurità, cioé:

-  polveri provenienti dalla superficie terrestre e dallo spazio interplanetario
-  sali e prodotti di combustione

che, in forma di corpuscoli minutissimi costituiscono il cosiddetto pulviscolo atmosferico.


                                                                                                                                Quindi riassumendo il pulviscolo è costituito da fini particelle disperse formate da:                    
- sabbie
- polveri
- ceneri di origine vulcanica
- fumi provenienti dalle attività umane
- pollini
- spore e microorganismi quali funghi e batteri


Come vedremo, nella Troposfera il pulviscolo atmosferico, che è formato da particelle solide trasportate dal vento,  fa sì che piova, spingendo il vapore a condensarsi in goccioline. Salendo in quota, nel 2° strato che incontriamo, la Stratosfera, i gas Ossigeno, Azoto e CO2 sono presenti nelle stesse percentuali della Troposfera, però il vapore acqueo è quasi inesistente e cessano quindi i fenomeni atmosferici.                                                                                                                    Siccome nel pulviscolo sono contenuti anche sferule vetrose provenienti dallo spazio, sappiamo che anche i micro-meteoriti sono responsabili della formazione della pioggia.                                                                                                                                                                                                                                                         Quindi la prossima volta che guardate la polvere che galleggia in un raggio di luce, ripensate a tutto quello che contiene e a cosa serve...                                                                                                                      


Che cos'è la pressione dell'aria?


























Come dicevamo prima, l'atmosfera poggia sulla superficie terrestre con un peso pari ad uno strato d'acqua profondo più di 10 metri.

















La maggiore densità dell'aria si trova sulla superficie terrestre, perché a causa della gravità è lo stesso peso dell'aria a comprimerla verso il basso.

Come si vede in questa immagine, nella colonna di destra vedete come la pressione in millibar è di 1.000 alla superficie mentre mano a mano che ci si alza in quota scende secondo la proporzione indicata prima:




- già nella parte alta della Troposfera si è dimezzata (che significa che se si sale a soli 5 km la pressione è la metà rispetto a valle)

- all'inizio della Stratosfera è calata di 10 volte


Insomma, fa caldo o fa freddo?



Non può mancare un accenno alla temperatura, visto che è uno dei fattori determinanti per la decisione di suddividere l'atmosfera terrestre in Strati.

Qui abbiamo una bella rappresentazione delle temperature che troviamo in ogni Strato.
















Vediamo quindi alcune immagini che mostrano in modo chiaro come cambia la temperatura a seconda di quanto ci si alza di quota.

Qui possiamo apprezzare l'andamento preciso, con la scala in basso per leggere la temperatura, attraverso Strati e relative Pause. Notate, ma lo vedremo nel post 2/4 bassa atmosfera, come nella Stratosfera dopo un iniziale costanza di temperatura, essa riprende a salire grazie allo Strato di Ozono che filtrando i raggi UV, surriscalda l'atmosfera.







Qui una rappresentazione dove si può apprezzare lo Strato del "cambiamento", della vita, la Troposfera. Inoltre l'accenno alle incredibili temperature che si raggiungono  nella Termosfera, che, come vedremo, sono però "temperature cinetiche", non reali (post 3/4, alta atmosfera).

















Infine una tabella tecnica, molto precisa, distinta con colori  che aiutano a comprendere meglio l'andamento.








                         
                                                              Bilancio Termico ed Equilibrio Termico: perché il Sole è così fondamentale per la Terra?
                                                                                                                                        Un concetto importante da tenere a mente è che tutta l'energia che l'uomo ha a disposizione, sia quella racchiusa nell'atomo o accumulata nelle materie combustibili, sia quella sparsa nel suolo, nei fiumi, nel mare e nell'atmosfera - deriva, direttamente o indirettamete dal Sole; la quantità di calore proveniente da altri corpi celesti o dall'interno della Terra (pur così caldo) è trascurabile al confronto con quella trasmessa dai raggi solari.                                                                                                                
- Quanta energia solare utilizza la Terra?
                                                                                                                                      Come in un'immensa fornace solare, il sole emette continuamente una radiazione intensissima; di questa radiazione solare inviata dallo spazio, la Terra riceve tuttavia solo una porzione trascurabile, pari a quasi 1/2 miliardesimo del totale. Ciò equivale a dire che al limite superiore dell'atmosfera su ogni cm quadrato di superficie, orientata perpendicolarmente alla radiazione, arrivano circa 2 piccole calorie al minuto (2 langley/min). Questa quantità è detta "Costante Solare" (anche se in realtà essa presenta delle lievi oscillazioni intorno al suo valore medio, legate alla variazione della distanza Terra-Sole e al numero di macchie solari).
L'energia solare ci giunge sotto forma di radiazioni, ossia "onde elettromagmetiche" (post Big Bang, post l'atmosfera terrestre 3/4):

- la quasi totalità di queste radiazioni ha lunghezze d'onda tra 0,17 e 4 micron - "onde corte"
- la Terra riceve quindi energia dal Sole, la assorbe e converte in calore e, di conseguenza, emette anch'essa energia (tra 4 e 80 micron - "onde lunghe")
                                                                                                                                Il sistema Terra-atmosfera guadagna e perde energia:
A - B = "Bilancio Termico" (bilancio radiativo), cioè la differenza tra la radiazione solare che entra e la radiazione terrestre che esce.                                                                                                                                                                                  
- Come funziona?
                                                                                                                                      Quando la radiazione solare raggiunge l'atmosfera una parte viene dispersa, assorbita o deviata e riflessa, quindi quella che raggiunge la superficie terrestre rappresenta la "radiazione globale" con il 51%, ma la "radiazione effettiva", tolta la riflessione media della Terra stessa o Albedo (oceani, laghi, nevai e ghiacciai, vegetazione etc), si riduce al 47%.
Questo 47% si trasforma in energia che viene riflessa dalla terra come radiazioni ad onde lunghe in questo modo:
- 23% evaporazione
- 10% moti convettivi e turbolenti troposfera
- 14% "radiazione notturna" che attraversa l'atmosfera in buona parte                                                                                                                                                       (Per una integrazione su "Effetto Serra" e "Albedo" con immagini, post 2/4 bassa atmosfera, sezione Ozonosfera)
                                                                                                                                       Il potere riflettente detto Albedo è il 35% (questa è la percentuale di radiazione che il sistema terra-atmosfera riflette immediatamente nello spazio), così composta:
- 31% nubi, pulviscolo e le particelle di vapore (le nubi, che i piloti degli aerei sanno comportarsi come eccellenti "riflettori", da sole quando il cielo è completamente coperto possono riflettere fino all'80% delle radiazioni luminose)
- 4 % superficie terrestre
                                                                                                                                        L'albedo è, come facilmente intuibile, molto variabile in base ai diversi materiali, componenti, della superficie terrestre: più è alta la % di albedo, più è alta la riflessione della luce e meno si scalda il materiale, così:
- terreno erboso a. 20% (=80% radiazione assorbita, si scalda molto)
- deserto sabbioso a. 30%
- neve fresca a. 80% (=solo il 20% della radiazione è assorbito, quindi lo strato nevoso si riscalda poco e può mantenersi a lungo anche sotto il sole cocente)                                                    
- La grande magia che rende la Terra speciale: Superficie=Piastra, Atmosfera=Serra
                                                                                                                                      Quindi in conclusione il sistema terra-atmosfera dispone solo del 65% della radiazione solare incidente.
Inoltre la quantità di energia assorbita (e riemessa) dalla superficie terrestre (47%) è notevolmente maggiore di quella assorbita dall'atmosfera (16%).
Di conseguenza la gran parte del calore atmosferico deve derivare indirettamente dalla superficie che funziona come una "piastra", riscaldando l'aria dal di sotto. L'atmosfera si comporta "come i vetri di una serra": come questi, essa lascia passare senza perdite sensibili le radiazioni luminose solari (tranne quelle dannose o letali) che provengono dallo spazio, ma intercetta (e trattiene) le radiazioni termiche terrestri che provengono dal basso, e così può mantenersi calda (effetto serra).                                                                
- Perché la Temperatura media non va aumentando continuamente? L'Equilibrio Termico.
                                                                                                                                       Tuttavia dobbiamo ragionare su un fatto: se si prendono in considerazione lunghi intervalli di tempo, si può constatare che la sua temperatura media non va continuamente aumentando, come ci si dovrebbe aspettare. Ciò significa che a lungo andare il sistema Terra-atmosfera restituisce allo spazio la stessa quantità di energia che riceve dal Sole.                                                                                                                          
Questo "Equilibrio Termico" si verifica però:
- nel corso di 1 anno intero
- per il globo terrestre nel suo complesso
                                                                                                                                     Non certo in poco tempo o per regioni singole, per le quali anzi il bilancio può essere negativo o positivo.
                                                                                                                                     Così, ad esempio
- la zona equatoriale assorbe + calore di quanto ne perde (bilancio +)
- le zone polari perdono più calore di quanto ne ricevono (bilancio -)
                                                                                                                                     Però accade che nel corso dell'anno
- la zona equatoriale non diventa + calda
- le zone polari non diventano + fredde
                                                                                                                                      Questo perché il calore si trasferisce dai luoghi + caldi a quelli + freddi, consentendo il mantenimento delle temperature medie che noi osserviamo: il passaggio di calore avviene mediante i grandi movimenti dell'aria che costituiscono la "circolazione generale dell'atmosfera" ed anche ad opera delle "correnti marine".                                                                                                   



Può esserci Acqua, senza Aria?

Aggiungo una scheda interessante che pone in evidenza l'importanza dell'aria anche per l'esistenza dell'acqua, cioè la stretta interconnessione tra i due elementi.





























E non dimentichiamo anche un effetto di questo oceano di aria di cui parlavamo, la rifrazione della luce, per cui le stelle che stiamo guardando non si trovano veramente nella posizione in cui sembrano essere. Esattamente come l'acqua devia il raggio di luce, lo stesso accade nell'atmosfera.
L'atmosfera esercita nei confronti dei raggi luminosi che la attraversano un'azione di disturbo. Infatti essi cambiano direzione e vengono dispersi od assorbiti dagli strati atmosferici, che per loro natura sono disomogenei, a causa delle differenze di temperatura, densità ed altezza.




Ora due immagini che servono per dare una prima idea di come è composta l'atmosfera, così poi sarà più facile scorrere i riassunti.

Come è composta l'atmosfera?



























Qui sotto abbiamo un aiutino in più, cioè una breve descrizione per capire il ruolo di ciascuno strato. In questo caso notate che manca l'esosfera. Inoltre noterete che nelle varie immagini che vedremo ci sono sempre piccole differenze nelle quote indicate come limite tra uno strato e l'altro, in realtà il limite non è preciso e quindi a volte c'è molta approssimazione. Nel caso della Troposfera, avendo, come vedrete tra poco, un altezza che varia da 7 a 17 km, la media è indicata come 12 qui sotto.



























                                                                                                                                  Cominciate quindi a memorizzare gli strati partendo dal primo alla superficie:                                                                              
- 1. Troposfera, quello dove viviamo noi
- 2. Stratosfera, che contiene 2a. l'Ozonosfera, come vedremo essenziale per noi
- 3. Mesosfera                                                                                               - 4. Termosfera, anche detta - 4a. Ionosfera                                      - 5. Esosfera                                                                                                     Termosfera ed Esosfera costituiscono l'alta atmosfera, la quale contiene anche la
- 6. Magnetosfera, altro strato essenziale per consentire la vita sulla Terra                                                                                          

Perché si è deciso di 
dividere l'atmosfera in Strati?


La suddivisione in strati è dovuta all'inversione del gradiente termico (cioé la temperatura che cambia a seconda della quota).

Ogni strato o sfera, aventi ognuna caratteristiche particolari, è separata da limitate zone di transizione dette Pause, poste a quote variabili con la latitudine e la stagione.

Nell'immagine le vedete come linee azzurre tratteggiate continue o spezzate o ondulate. E' in queste zone di transizione che ha luogo l'inversione del gradiente termico ed esse vengono definite anche zone di discontinuità tra una sfera e l'altra.

                                                                                                                                                            Funzioni dell'atmosfera                                                                                                                                               
- contiene ossigeno fondamentale per i processi di respirazione e combustione, in generale
- costituisce uno schermo che protegge la Terra dall’impatto di meteoriti e dall’azione dannosa delle radiazioni ultraviolette del Sole
- è la sede dei fenomeni meteorologici                                                                   - regola il processo di riscaldamento della superficie terrestre, ridistribuendo su tutto il pianeta il calore che riceviamo dal Sole (effetto Serra)
- rende possibile il ciclo dell’acqua                                                                                       



E' il momento di partire con i riassunti schematici, che contengono altre informazioni utili attraverso disegni e immagini. Inizio con una serie molto basic, tanto per scaldarci un po', gli strati sono sintetizzati all'osso, ma per iniziare va benissimo.
Nei post 2/4 bassa atmosfera e 3/4 alta atmosfera troverete le descrizioni degli Strati, mentre nel 4/4 Viaggio attraverso l'atmosfera tutte le curiosità su fenomeni naturali e ingegno umano.

1^ serie: Generale




I primi 4 strati, Troposfera, Stratosfera, Mesosfera e Termosfera fino alla linea di Karman, circa 100 km di altitudine




Gli strati più esterni, Termosfera ed Esosfera




Passiamo ora alle serie più ricche in dettagli. Come noterete ci sono tante cose da dire sulle proprietà di ogni strato, sui fenomeni che avvengono in ciascuno di essi, sul tipo di velivolo che troviamo, sulle temperature e sulla pressione. Le immagini parlano da sole.

2^ serie: Generale





































Ora zoom su ogni strato, a partire dal basso.
1°, Troposfera



















2° e 3° strato, Stratosfera e Mesosfera















4° strato, Termosfera














E infine 5° strato, Esosfera



















3^ serie: Generale





La stessa serie di prima, questa volta invertita con sfondo nero.































Ora zoom dal 1° strato, la Troposfera




















2° e 3° strato, Stratosfera e Mesosfera




















4° strato, Termosfera
















5° strato, Esosfera




















4^ serie: Generale






































1° strato, Troposfera


















2° strato, Stratosfera













3° strato, Mesosfera










4° strato, Termosfera













5° strato, Esosfera























5^ serie, Generale





1° strato, Troposfera





































2° strato, Stratosfera


































3° strato, Mesosfera
























4° strato, Termosfera




























5° strato, Esosfera




























Per finire, l'ultima serie che vi voglio proporre.
6^ serie, Generale




1° strato, Troposfera

























2° strato, Stratosfera




































3°, 4° e 5° strato, Mesosfera, Termosfera ed Esosfera





























Suggerimento: una cosa che potrete fare comodamente per visionare con chiarezza e semplicità il quadro generale, sarà quella di aprire in pagine diverse tutti i 4 post, tenendo questo come panoramica generale e, al bisogno, andando sui post relativi allo Strato o al Fenomeno naturale o all'oggetto frutto dell'ingegno umano che interessa per approfondire la vostra curiosità.

Per Vostra comodità riepilogo i link ai post:

2/4 bassa e media atmosfera (Troposfera, Stratosfera-Ozonosfera, Mesosfera)
3/4 alta atmosfera e Magnetosfera (Termosfera-Ionosfera, Esosfera-Magnetosfera)
4/4 Viaggio attraverso l'atmosfera: fenomeni naturali e ingegno umano

Buon divertimento.




0 commenti:

Posta un commento

Condividi

 
Copyright © a piedi nudi nel Parsec. All rights reserved.